Telefono

3664235834

E-mail

info@spalabmassaggi.com

Orari di apertura

Lun/sab: 9-20

Le porte della coscienza

Tensioni alla nuca e mal di gola, se è disarmonico

Quando questo chakra è in disequilibrio si percepisce una tensione cronica alla nuca, un senso di soffocamento nella gola, frequenti malesseri come tracheiti, laringiti e raucedine o afonia, una sorta di tentativo che fanno i muscoli di ricacciare in gola emozioni che affiorano e che non ci si permette di esprimere, come rabbia, tristezza, dolore. Vishudda ci aiuta a cogliere un pensiero o un sentimento e di saperlo esprimere con precisione assoluta, e quando questo non avviene si può avere la sensazione che la testa, il cuore o il centro sessuale siano divisi tra loro, il che si può tradurre in uno stato di malessere e conflitto interiore tra impulsi diversi.

Impara a esprimerti pienamente

Esprimere se stessi liberamente regala un senso di leggerezza, pienezza e gioia veramente completo: si percepisce con chiarezza che ciò che pensiamo e facciamo diventa realtà, la nostra realtà.

Il nostro impatto con il mondo avviene a questo livello: per questo la maggiore sensazione di responsabilità personale nasce qui, perché è qui che esce all’esterno parte di noi.

Questo senso di connessione e manifestazione di sé indica la via per i chakra superiori. Evitando di mentirci, possiamo trovare un modo di portare avanti la vita rimanendo onesti e fedeli ai nostri principi: è questo che ci permette di vivere nella gioia e nella soddisfazione personale, senza cercare alibi per la nostra infelicità o attribuire la colpa ad altri per aver fatto determinate scelte.

Vishuddha in disequilibrio può manifestarsi con tensioni cervicali e disturbi a carico di gola ed esofago.

Il suo “demone” è la menzogna

Con il terzo chakra incontriamo la menzogna, il demone di Vishuddha. Il quinto chakra mette in connessione il pensiero all’agire: se questi sono in accordo, si parlerà fluidamente e l’energia passerà in modo diretto all’azione, con un linguaggio del corpo in armonia. Ma se c’è discordanza, arrivano la menzogna e l’elusività, che assorbono energie. Allora l’eloquio è stentato e l’atteggiamento corporeo dissonante. Anche la bugia è una forma di creatività dominata da quarto chakra, tuttavia è una maschera che ci distoglie dalla vera essenza delle cose.

Non reprimere i conflitti

Avverti tensione e rabbia? Fermati, chiudi gli occhi e ascolta solo ciò che provi. E’ un’operazione fondamentale per ritrovare la calma e parlare all’altro in modo autentico. Se, ad esempio, sei in conflitto con il tuo partner, prenditi un momento per te, mettiti comodo e chiudi gli occhi, rimanendo in ascolto delle sensazioni e delle emozioni che ti agitano e solo in un secondo momento, quando senti di essere più calmo, chiediti: “Cosa mi procura veramente malessere?”. Dimenticati quello che ti hanno detto, lasciati alle spalle le offese che ritieni di avere ricevuto. Rispondi con sincerità per ritrovare il benessere e il dialogo con l’altro. Se impari ad ascoltare e a dare voce ai tuoi sentimenti, diventerà naturale prestare attenzione anche ai sentimenti altrui.

Fonte: Riza Scienze. La rivista di scienza dell’uomo. Settembre/Ottobre 2019 – n.368 pag 72-73.

Articoli consigliati